domenica, luglio 1

dogmatica

www.florilege.free.fr
1. La patafisica non è una negazione che aspira a divenire una nuova affermazione.
2. Non pretende di salvare il prossimo riformandolo.
3. È didattica, ma non pedagogica.
4. Ha un metodo ma non ha un fine.
5. È monolitica e libertaria, ritualistica e scanzonata, profetica e anti-messianica.
6. Pone sullo stesso piano di equivalenza l'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo.
7. Non crede nel valore assoluto delle contrapposizioni convenzionali: bello e brutto, spirito e materia, bene e male, vita e morte, bianco e nero ecc.; eppure le comprende tutte.
8. Non persegue alcuna costruzione chiusa, con pretese totalitarie e definitive, bensì un continuo accrescimento, ed una continua riclassificazione, su basi logiche, dei dati forniti incessantemente dall'esperienza.
9. Non contiene: alcun dogma o limitazione, intolleranza o fine ultimo o riduzionismo, né alcuna formula pretenziosamente definitiva, sintetica e globale.
10. Se anche una verità unica, una verità superiore, una verità chiave esistessero, e se anche esse fossero riconducibili ad un dio, esse non potrebbero restare che indeterminate, suprema e irraggiungibile meta verso la quale si muoverebbe incessantemente - appunto, patafisicamente - una pluralità, continuamente accresciuta, risistemata e risistemabile di simboli dal significato frammentario, provvisorio, e solo parzialmente accessibile.
11. Poiché non esistono differenze categoriche essenziali e definitive le categorie sono delle classificazioni artificiose che generano delle differenze convenzionali, artificiali, e niente affatto essenziali.
12. Quesito della patafisica: anche se il principio di indeterminazione non fosse valido per la storia e per i fatti, esso sarebbe pur sempre valido per il modo di conoscerli e di interpretarli?
(da wikipedia.it)

4 commenti:

Carlo ha detto...

"La Patafisica rivelata da Faustroll ebbe il grande merito, alla fine dell'Ottocento e a cavallo del nuovo secolo, di riunire d'un sol colpo di bacchetta con una parola magica tutte le correnti di contestazione che attraversavano i giovani di allora ivi compresi esotericità, occultismo e anarchia."
Roger Shattuck
Non male e mica poco!

Carlo ha detto...

V: Vuole sapere che cos'è la Patafisica?
S: Sì.
V: E perché mai?
S: Ebbene, per…istruirmi.
V: Per istruirvi? E per farne che?
S: Cosa farne?
V: Sì…
S: Niente. Assolutamente niente…
V: Così vorrebbe istruirsi sulla Patafisica senza alcun motivo?
S: Proprio come sta dicendo…
V: Ma allora lei è già patafisico…
S: (stupito) Ha! Ha!
V: Il suo desiderio e il suo motivo stanno a provarlo!
S: Ma che motivo?
V: Ma l'assenza di motivo.
S: Ma come? Questo proverebbe che…
V: Proprio così, che lei è patafisico!"
In Boris Vian, Che cos'è la Patafisica, trasmissione radiofonica dell'8 merdre 86, Festa della Cornificazione del P. Ubu

Carlo ha detto...

Ora ho ricordato di ricordare la patafisica,cioè qualcosa di Anarchico o forse perchè amavo le opere di Baj ma anche i surrealisti ed allora è naturale essere patafisici ma è anche il contrario?

passapartù ha detto...

la storia è passata la storia ritorna così di verde illumina un lume